Di cosa ci occupiamo

Psicodramma & sociodramma e terapia narrativa

LO PSICODRAMMA
L’equilibrio e il benessere individuale si realizzano non solo con attività sportive, tecniche di rilassamento e sostegno psicologico, ma anche mediante dinamiche espressive di gruppo, attraverso la rappresentazione scenica e il coinvolgimento diretto dei partecipanti, e ciò consente di rivivere e interpretare i propri vissuti, emozioni, paure interne per raggiungere una maggior consapevolezza e comprensione di esse. Questa psicoterapia di gruppo è lo psicodramma. Nello psicodramma non ci si basa solo sulla verbalizzazione e sull’interpretazione analitica dei significati, ma soprattutto sull’interpretazione teatrale, cioè sul gioco, sull’azione.
Siamo a Vienna, nel 1920, un giovane medico ebreo, Jacob Levi Moreno, fa entrare in psichiatria ciò che Freud aveva escluso, cioè l’azione, l’acting out e la visualizzazione. Tutti i codici esclusi dalla psicanalisi sono inseriti nello psicodramma. Ferenczi e la Klein useranno il gioco, i giocattoli, per sondare l’inconscio dei bambini. La base è l’attualizzazione, la messa in atto delle immagini, e l’espressione in maniera concreta dell’inconscio attraverso l’azione improvvisata, l’inconscio si evidenzia attraverso la tensione gruppale, alla messa in scena. Al termine dello psicodramma i significati che sono stati agiti saranno anche interpretati analiticamente e compresi. Ognuno ha la sua catarsi che scende in scena.
È efficace quando bisogna raggiungere in profondità quelle parti dell’inconscio che sono difficilmente sondabili e intraducibili in parole. Esso consente una regressione in tempi relativamente veloci.

Nella rappresentazione la persona “gioca” le diverse situazioni della propria vita avendo la possibilità di rispecchiarsi e riconoscersi, aiutato da altri membri del gruppo, tutto attraverso la sperimentazione di nuovi ruoli e soluzioni, entro un’area adibita a palcoscenico ove s’insceneranno episodi, fatti, personaggi e quant’altro rappresenti il mondo interno del protagonista. Parola e azione acquistano qualità ludiche, perciò una persona si comporta come se fosse un’altra, il “qui e ora” diventa un “altrove” e “un altro tempo”. Le scene della vita vengono figurate, esplorate con la funzione trasformativa del gioco. Elementi, stati o affetti inscenati parlano attraverso il linguaggio del corpo, la voce e la mimica facciale.
“Il gioco sta tra corpo e mente come tra terra e cielo, sta tra il mondo interiore e la realtà [….] un luogo dove si intersecano il campo immaginario e quello reale” (D. Miglietta- I sentimenti in scena-). I contenuti rappresentati vengono espressi attraverso spontaneità e creatività, quindi senza un copione teatrale, senza una maschera attoriale.
I processi mentali, come le emozioni per esempio, pur avendo una dimensione a-spaziale hanno bisogno, per la loro traduzione, di una continua connessione con il concetto di spazio, da qui l’utilizzo di un luogo topologicamente individuabile (area scenica), che può favorire le connessioni tra spazio interno ed esterno. In genere il gruppo è messo in cerchio e assiste al “gioco” spontaneo, tra uno o più protagonisti partecipanti, in un ambiente circoscritto (nel nostro caso una sala), per un tempo di circa un’ora e mezza.

FASI

Ogni sessione di psicodramma consta di tre fasi: − Riscaldamento – Scena psicodrammatica − Condivisione

Riscaldamento
Questa fase è propedeutica all’azione psicodrammatica, si attua con tecniche immaginative e di rilassamento. Ha le funzioni di:
– produrre un’atmosfera di spontaneità
– creare uno spazio di sicurezza e di contenimento per ogni partecipante
– assicurare che la sessione si svolga in un clima di coesione

Scena psicodrammatica
Si svolge su un’area assomigliante ad un palcoscenico. Gli altri membri del gruppo (uditorio) non si trovano nello stesso spazio ove si articola la rappresentazione psicodrammatica. Ha le funzioni di:
– dare al protagonista la possibilità di riappropriarsi del proprio tempo (passato-presente-futuro) attraverso la rappresentazione scenica
– aiutare il protagonista a ripercorrere e ad affrontare l’emergere di situazioni fortemente critiche della propria vita, mediante la partecipazione di altri membri denominati “io-ausiliari”
– esprimere dinamicamente il proprio inconscio

Condivisione
La condivisione è il momento della integrazione di gruppo. Ha le funzioni di:
– individuare i punti d’identificazione dei singoli membri del gruppo con il protagonista
– evidenziare questo processo di apprendimento e liberare ogni membro del gruppo dalle emozioni vissute durante la scena

Tecniche utilizzate nello psicodramma

Specchio

Il personaggio della scena è rappresentato dal suo io-ausiliario, che come lui agisce nelle diverse situazioni della vita e come lo vedono gli altri. Gli spettatori lo prendono come un vero paziente e reagiscono spontaneamente. Questa tecnica serve a procurare uno shock al paziente che lo induce a reagire all’immagine inavvertita di se stesso che egli offre agli altri.
Ponendo il protagonista fuori dalla scena e sostituendolo con un altro, il terapeuta gli fa sperimentare come egli sia percepito da altri, quale immagine l’altro si sia fatto di lui.

Doppio

L’io ausiliario rappresenta, con l’accordo col soggetto, un aspetto di questi.

Inversione di ruolo

Provoca spesso cambiamenti decisivi, il soggetto recita ancora la scena, ma scambiato di ruolo col partner io ausiliario. Uscendo da se stesso ha così modo di percepire oggettivamente il proprio atteggiamento verso gli altri. La conseguenza è l’accomodamento delle sue relazioni interpersonali.
Il protagonista gioca la parte di un altro, facendo sì che, spostando l’attenzione sul ruolo dell’interlocutore, si possano aggirare e superare blocchi emotivi e pregiudizi cognitivi che impediscono azioni nuove e spontanee.

Soliloquio

Il soggetto, mentre drammatizza con l’io ausiliario una scena della sua vita reale, esprime a mezza voce i pensieri e i sentimenti segretamente provati da lui nei confronti di se stesso e del suo partner nella scena. Il soliloquio materializza la resistenza provata da qualsiasi attore professionista. Esso rivela solo i sentimenti, non è un racconto.

Scultura

Fare una sorta di “foto” simbolica ad una “statua” costituita dai personaggi in posa.

Intervista

All’inizio dello psicodramma si domanda al soggetto il ruolo che vuol giocare, durante lo psicodramma si attua quando avviene l’inversione di ruolo.

Doppiaggio

Il terapeuta conduttore, ponendosi alle spalle del protagonista, lo stimola a ricercare dentro di sé emozioni, sensazioni, sentimenti nascosti nella coscienza.

Moltiplicazione

Si attua per suggerire al soggetto o all’io ausiliario che può esprimersi anche in altri modi.

Richiedi informazioni 392-0979327

Fissa un appuntamento presso il nostro Studio di Psicologia & Psicoterapia